BUONI A NATALE: QUANDO AZIENDE E LAVORATORI HANNO A CUORE IL TERRITORIO



OLTRE 100MILA EURO DI BUONI WELFARE TRECUORI EROGATI DALLE AZIENDE DURANTE IL PERIODO NATALIZIO

 

Sono tante le aziende che, a causa delle restrizioni Covid, non hanno potuto festeggiare il Natale con i propri collaboratori con le tradizionali cene natalizie e hanno scelto di destinare loro il budget previsto in buoni spesa

Piuttosto che utilizzare buoni dei grandi player online (Amazon, Zalando, Media World, ecc. ) come fatto in passato, sempre più aziende hanno cercato modalità che permettessero di spendere i buoni presso le attività locali ottenendo così un duplice effetto positivo: da un lato aumentare la libertà di scelta dei propri lavoratori, dall’altro innescare una ricaduta economica nel territorio in favore delle attività di prossimità e dei soggetti che ci vivono.

Una di queste modalità è il Buono Spesa TreCuori, un buono incassabile potenzialmente da qualsiasi attività locale senza che si debba sostenere alcun costo. Già migliaia sono le realtà in tutt’Italia abilitate all’incasso di questi buoni, di queste 719 risiedono in Veneto. 

917.910,00€ è il valore dei Buoni TreCuori erogati finora ai lavoratori italiani, di cui 338mila€ sono stati incassati da più di 500 attività locali della Regione Veneto, per un importo medio di circa 2.000,00; vi sono state anche varie attività che hanno registrato degli incassi molto consistenti (una ventina hanno incassato più di 10.000,00€ cadauna). 

La diffusione dei Buoni Welfare TreCuori è ampia in tutto il territorio nazionale, anche grazie alle Associazioni di Categoria che a vari livelli nazionali, regionali o provinciali, sono partner del progetto TreCuori quali ad esempio Ascom Confcommercio, Confartigianato e Confesercenti: la Regione Veneto rappresenta circa il 37% del valore totale italiano. 

Le tipologie di attività locali che incassano i Buoni TreCuori sono estremamente variegate: oltre alle tipologie più tradizionali – quali supermercati, distributori di carburante, ecc. – ve ne sono tante sia nell’ambito commerciale (mercerie, fiorai, panettieri, ecc.) che artigianale (parrucchiere, estetiste, idraulici, ecc.) e professionale. Tutte queste realtà non avevano mai avuto accesso ad uno strumento di questo tipo e non erano mai state coinvolte nel circolo virtuoso del Welfare Aziendale Territoriale

Grazie ai Buoni Welfare TreCuori, il welfare erogato dalle aziende rimane di fatto all’interno dei territori producendo una ricaduta positiva per l’economia locale; cosa che non accadrebbe con i buoni regalo dei grandi player internazionali (uno tra tutti, il buono Amazon). Ed è proprio ciò che sta accadendo in queste settimane: anche se ormai il Natale è passato e l’erogazione dei Buoni Welfare TreCuori durante tale periodo si è conclusa, questi buoni continuano ad essere spesi nelle tante attività locali in Italia, generando un continuum di effetti benefici non solo ad un unico territorio, ma a tutti i territori.

Da qui, il testo del nostro pay-off: “TreCuori, il Welfare del Tuo territorio!”

Per maggiori dettagli sui Buoni Welfare TreCuori leggi la News dedicata sul nostro sito, oppure contattaci! Sarà per noi un piacere poterti essere utili.

Condividi articolo