“Il fatto di premiare i dipendenti attraverso il welfare TreCuori è stato un modo perché loro fossero più motivati a lavorare volentieri all’interno della nostra azienda.
Volevo aiutarli ad avere qualcosa in più, un premio che loro si potessero gestire a loro piacere. C’è chi ha utilizzato questo benefit per spese famigliari come l’asilo dei figli, c’è chi l’ha usato per andare in palestra e chi per farsi una bellissima vacanza.
Penso che sia un’opportunità per l’azienda di instaurare un buon rapporto con i propri dipendenti e soprattutto fare in modo che possano godere di un privilegio in più a livello aziendale”

Condividi articolo

“E’ una cosa che ci ha soddisfatto molto, sia a noi che ai nostri 150 collaboratori. Riuscire a garantire una somma più alta ai nostri dipendenti è un vantaggio per tutti. (Pensare che siano netti per noi e netti per i nostri collaboratori ha un risultato indotto notevole). Il fatto poi che queesti soldi siano spesi nelle imrpese atttorno alle famiglie dei nostri dipendneti, questo innesca anche una circolo virtuoso per alimentare e sostnere l’economia locale. Ormai sono più di tre anni , senz’altro molto positivo.”

Condividi articolo

“Noi usiamo TreCuori sia per gratificare i nostri dipendenti con premi, sia per incassare i buoni welfare dei dipendendi di altre aziende. Incassare i buoni welfare ci ha fatto acquisire qualche nuovo cliente che ha questi buoni e che quindi preferisce il nostro impianto piuttosto che altri che non li accettano. E’ tutto molto semplice, funziona molto bene. Rispetto agli incassi con altre carte e bancomat, gli incassi da TreCuori sono privi di commissioni, quindi per noi molto vantaggiosi”

Condividi articolo

“A noi il sistema TreCuori ha portato nuovi clienti. Ritengo che questo strumento sia di fondamentale importanza per i negozi di prossimità del territorio e per favorire lo sviluppo di un’economia su scala locale. I pagamenti sono puntuali e per noi commercianti è gratis. L’ho sperimentato personalmente, è davvero un’ottima iniziativa e posso solo dirne bene.”

Condividi articolo