MONDO PADANO – Quando il welfare è alla portata di tutti



Articolo che descrive la collaborazione tra Confartigianato Cremona e TreCuori: nasce Welfare Insieme

 

Si scrive welfare aziendale, si legge far star bene e sempre meglio il collaboratore nell’impresa. Anche nelle imprese artigiane si sta diffondendo il welfare aziendale, che sarà inserito nei futuri rinnovi contrattuali, con le aziende chiamate a mettere a disposizione dei lavoratori strumenti di welfare per importi differenziati in forza di contratti condivisi e firmati con i sindacati. Oggi anche Confartigianato Cremona è pienamente strutturata per dare concreto avvio al nuovo Servizio di Welfare Aziendale e Familiare, individuando una gamma di beni e servizi finalizzata a migliorare la qualità della vita personale e familiare dei collaboratori. Si tratta di una vera e propria politica retributiva aziendale con tanti vantaggi, anche derivati dal fatto che gli importi messi a disposizione dal datore di lavoro sono esenti da contributi previdenziali e ritenute fiscali per i dipendenti, e sono inoltre totalmente deducibili dal reddito d’im,presa. Di tutto questo si è parlato in un convegno tenutosi il 15 ottobre scorso, presso la sede di Cremona, al quale sono intervenuti alcuni esperti del settore: Antonella Pinzauti, direttore generale dell’impresa sociale del sistema Confartigianato e Alberto Fraticelli, co‐founder & direttore generale di “SisportS.s.d.p.a.” ‐ “Trecuori SpA” società benefit. «Si tratta di una sfida importante – ha detto Massimo Rivoltini, Presidente di Confartigianato Cremona – anche sul terreno culturale e comunicativo verso le imprese e i loro collaboratori su cui Confartigianato vuole concretamente impegnarsi». Per realizzare tutto ciò Confartigianato Cremona ha stretto un’alleanza con la piattaforma nazionale “TreCuori”, alla quale, come ha spiegato Fraticelli “i dipendenti delle imprese possono accedere per avere una amplissima gamma di scelta di servizie opere, per loro e i propri familiari: dagli asili nido ai campus e vacanze studio, dalle gite scolastiche alle rette scolastiche, dalla salute ai servizi per gli anziani, dallo sportallo studio e all’università”. E alla fine del 2018 è nata “WelFare Insieme”, l’impresa sociale espressione del sistema Confartigianato Imprese, “costituita – ha detto Pinzauti – per rispondere alla crescente domanda di servizi essenziali per il benessere delle persone e delle famiglie. La sua missione è costruire un’offerta strutturata, permanente, collegata ai bisogni dei territori”. Nel corso del convegno sono stati illustrati la piattaforma, il servizio offerto dall’Associazione e i vantaggi, sia per le aziende sia per i dipendenti, aspetti che hanno suscitato molto interesse in una platea particolarmente attenta e desiderosa di capire. Ma a monte c’è un aspetto sostanziale che il Presidente Rivoltini ha rimarcato nel suo saluto introduttivo: «Il welfare aziendale è una pratica insita naturalmente nel dna degli imprenditori artigiani, abituati a lavorare in piccole imprese familiari, anche se una volta non si chiamava così e si diceva semplicemente “far star bene i propri collaboratori”, poiché, se stanno bene, l’impresa ne trae giovamento e il clima familiare si riflette positivamente sul lavoro e sui suoi risultati. Nelle imprese artigiane dove si lavora gomito a gomito, la prima attenzione dell’imprenditore è sempre quella di mettere il dipendente in condizione di stare meglio che si può, raggiungendo due obiettivi: il bene del collaboratore e quello del’impresa».Per realizzare tutto ciò Confartigianato Cremona ha attivato un apposito servizio, fornendo un aiuto alle aziende per realizzare un piano aziendale valido e personalizzato, che possa consentire di creare nuovi progetti per famiglie e cittadini e rispondere ai loro principali bisogni.«Certo – ha concluso Rivoltini – si tratta di un cambiamento, di una nuova sfida, ma noi artigiani siamo avvezzi alle sfide. E non c’è nulla come una nuova sfida che faccia uscire ciò che di meglio c’è in un uomo. Ecco che, quindi, siamo pronti, anche questa volta, a trasformare un’opportunità in un’opera d’arte».

Nasce “WelFare Insieme” Salute, istruzione, assistenza familiare, cultura, tempo libero, previdenza e protezione. In una parola: benessere (welfare). Oggi, in Italia, si spendono per questi servizi 709miliardi di euro (circa il 40% delprodotto interno nazionale): 546spesi dallo Stato, 143 dalle famiglie (fonte: Osservatorio Welfare MBS Consulting). È una proporzione destinata a cambiare nei prossimi anni: scenderà la spesa dello Stato, aumenterà quella delle famiglie, che saranno chiamate ad acquistare alcuni servizi. Accade già oggi, del resto. WelFare Insieme nasce per questo: dare una risposta strutturata, di qualità e sostenibile alla crescente domanda di servizi essenziali per il benessere delle persone e delle famiglie. Un grande progetto d’impresa sociale promosso da Confartigianato Imprese. Sono ancora poche le micro e piccole imprese che hanno avviato piani di welfare aziendale. Molto c’è da fare anche per informare i lavoratori sulle opportunità: la maggioranza ne ha ancora una conoscenza generica. Eppure i piani di welfare possono attivare un circolo virtuoso. Il servizio di Welfare Aziendale di Confartigianato Cremona è realizzato in collaborazione con “WelFare Insieme” e “TreCuori,” che opera secondo princìpi coerenti con quelli dell’impresa sociale, con l’obiettivo di diventare il riferimento per i bisogni territoriali di welfare, andando a coprire le aree fondamentali del benessere attraverso un’offerta globale che consenta:

• alle imprese, di cogliere le opportunità offerte dall’attuale normativa;

• alle famiglie e alle persone, d’individuare le soluzioni ai crescenti bisogni di assistenza sanitaria, assistenza alle famiglie per anziani e bambini, credito e previdenza.

Quali servizi puoi scegliere attraverso il Welfare agevolato? Per welfare aziendale si intende l’insieme delle prestazioni non monetarie a sostegno del dipendente. In pratica un pacchetto di possibilità in affiancamento alla classica retribuzione nella forma di agevolazioni e rimborsi, che si traducono in benefit significativi per il dipendente e che contemplao importanti vantaggi fiscali per l’azienda. Il welfare aziendale permette di finanziare servizi alle famiglie come gli asili nido, ma anche polizze sanitarie e spese mediche, previdenza complementare, abbonamento ai trasporti o addirittura viaggi. Il welfare aziendale può includere anche l’erogazione di buoni d’acquisto per il carburante, lo shopping o la spesa al supermercato. Anche sport e benessere, tempo libero, cultura e formazione possono rientrare all’interno delle iniziative di welfare aziendale. Per ogni informazione Confartigianato Cremona è a disposizione delle imprese interessate chiamandogli Uffici di Cremona, via Rosario, 5 tel. 0372 598811.

Condividi articolo