PRIMA LECCO – Invernizzi Presse di Pescate: contro i rincari 250 euro di bonus per i dipendenti



Ai lavoratori 200 di bonus carburante e 50 di erogazione liberale

 

Prosegue e non si ferma la vicinanza degli imprenditori di Api Lecco Sondrio ai propri dipendenti. Invernizzi Presse di Pescate si unisce alle decine di aziende affiliate all’associazione di categoria che in questi mesi di forti rincari e di inflazione hanno deciso di aiutare i propri collaboratori tramite gli strumenti “una tantum” resi disponibili dalla normativa in atto.

Nel mese di maggio ai dipendenti della storica azienda lecchese è stato erogato un beneficio aggiuntivo in welfare pari a 250 euro: 200 di bonus carburante e 50 di erogazione liberale.

Invernizzi Presse di Pescate: contro i rincari 250 euro di bonus per i dipendenti

“Abbiamo deciso di favorire i nostri dipendenti – spiegano i titolari dell’azienda Luca e Michele Invernizzi– in considerazione dell’attuale periodo nel quale le prospettive e gli investimenti messi in atto dalla nostra società convivono con ostacoli imprevisti sia economici sia sociali imposti dalla situazione globale. La nostra azienda con questo bonus di 250 euro intende reagire e sostenere i propri addetti con un riconoscimento tangibile che possa alleviare la pressione economica familiare e personale”.

L’azienda

Una azienda storica Invernizzi Presse, polo di eccellenza dell’industria lecchese. Era il 1958 quando grazie allo spirito di intraprendenza e alla spiccata capacità acquisita nel settore meccanico, Mario Invernizzi (scomparso nell’agosto 2001) e la moglieLaura Maggi, venuta a mancare nel giugno di due anni fa fondarono la Invernizzi Presse, azienda leader nel settore del settore manifatturiero con sedi a Pescate, Oggiono,  oltre a una filiale  in Germania, nei pressi di Stoccarda e un ufficio a Firenze.

Una realtà solida che oggi, come detto,  è guidata dai figli dei due imprenditori. Come si legge sul sito dell’azienda la Invernizzi ” si è sempre delineata per la specificità e la qualità delle presse prodotte, e per le soluzioni tecniche ed estetiche già  negli anni ’50 moderne e precursori di tendenze di là da venire; macchine costruite disegnandole sulle esigenze di ogni singolo cliente. La produzione attuale spazia da presse da 30 a 3000 ton. con articolazioni ad eccentrico, a link-lever, a ginocchiera, per tranciatura fine; presse ad alta velocità con bilanciamento dinamico delle masse; presse transfer”.

Condividi articolo