Il Resto del Carlino – Alla Far s.r.l. premi e più tutele per i dipendenti con il welfare TreCuori



Primo integrativo alla Far di Silla. L’articolo descrive il nuovo accordo welfare stipulato tra sindacati e azienda in favore dei dipendenti

 

Qualche accordo, negli ultimi anni, era già stato firmato. Ma quello raggiunto nei giorni scorsi, con il voto favorevole mercoledì della larga maggioranza dei dipendenti, è il primo contratto integrativo nella storia della Far Srl di Silla (Gaggio Montano), una fonderia che occupa 120 dipendenti nel cuore dell’Appennino. L’intesa con l’azienda prevede, sotto il profilo economico, un premio di risultato uguale per tutti e basato su due indicatori. Potrà arrivare, nel caso di una piena soddisfazione di entrambi, a un massimale di 700 Euro. Trattandosi della prima volta è quasi un esperimento: poi l’anno prossimo, a premio raggiunto, si trarranno le conclusioni e si vedrà come intervenire negli anni successivi. Inoltre sono stati incrementati i permessi retributivi, con dieci ore aggiuntive, e sono previste maggiorazioni retributive sui turni notturni. La Far, infatti, lavora quotidianamente su tre turni e a questo aspetto è dedicato un altro punto del contratto, uno dei principali dal punto di vista dei rappresentanti sindacali di Fiom Cgil e Fim Cisl, che insieme alla Rsu hanno lavorato per raggiungere l’accordo: gli Rls, i rappresentanti lavoratori sicurezza, sono aumentati da uno a due. Una misura, spiegano i sindacati in una nota, che si è resa necessaria perché i lavoratori ruotano su tre turni e sono divisi su più stabilimenti. Il contratto sarà in vigore per tre anni, fino alla fine del 2023.

“Questo risultato non è merito solo dei sindacati, ma della rsu che ha fatto un gran bel lavoro – commenta Barbara Graziano, funzionaria della Fiom -. E soprattutto è un risultato dell’unità: i lavoratori sono stati uniti, volevano questo integrativo. L’azienda si è messa al tavolo e così, senza scioperi, lo abbiamo ottenuto. E questa volta dall’Appennino arriva una bella notizia”. Sulla stessa linea anche Salvatore Parlato, funzionario della Fim Cisl: “Era importante portare un risultato ai lavoratori, anche per la situazione che c’è in giro oggi che vede molte aziende in difficoltà. E con il loro aiuto ce l’abbiamo fatta. Oltre alla parte economica, è molto importante quella sul fronte sicurezza, con la seconda Rls. È un passo importante, che dovrebbe essere seguito da tutti”.

Condividi articolo