IL GAZZETTINO – Caro vita e benzina: bonus di 3.500 euro ai dipendenti



Il Gruppo TreCuori ha pensato a due forme di welfare. “noi teniamo al benessere di famiglie e collaboratori”

 

 

Conegliano  – TreCuori attiva nuove misure di welfare per i dipendenti. Nel nono anniversario dalla fondazione, piccola Public Company dei territori ha deciso di sostenere ulteriormente collaboratori e famiglie in un momento di forti rincari. Il tutto attraverso due strumenti di welfare aziendale che, grazie alle agevolazioni in materia, fanno salire il valore complessivo dei benefit a 3.500 euro netti a testa.

 

LA DECISIONE

Il primo, denominato Bonus “Caro-vita”, avrà un valore di 1.200 euro pro capite all’anno mentre il secondo, Bonus “Carburante” sarà determinato il 1° di ogni mese calcolando il maggior costo del carburante rispetto ad una base di 1,2 €/litro sulla distanza chilometrica tra la residenza e la sede di lavoro. Quest’ultimo varia quindi a seconda del tragitto percorso, da un minimo di circa 200 € fino ad un massimo di circa 800 € all’anno. Riconoscimenti che si vanno ad aggiungere agli altri goduti da anni da  tutti i dipendenti del Gruppo, formato dalla capogruppo Utilis Group Spa, da TreCuori Spa Società Benefit e da TreAli Srl.

 

L’ATTENZIONE

«Il Gruppo TreCuori può essere definito una piccola Public Company dei territori, in quanto è una realtà aperta nella quale sono benvenuti tutti coloro che credono sia giusto fare qualcosa per contribuire a sostenere l’economia locale – spiega l’amministratore Giovanni Lucchetta – questo modo di pensare che ha portato e sta portando sempre nuovi soggetti, privati ed imprese, ad unirsi a noi in qualità di azionisti. Proprio da qui nasce anche l’attenzione costante al benessere di collaboratori e famiglie. Quando pensavamo di poter uscire dalla pandemia ed avviarci verso una nuova normalità, è arrivato il conflitto in Ucraina, con conseguenze sia a livello economico che sociale, con ulteriore erosione del potere d’acquisto. Perciò abbiamo deciso di dare loro ancora maggiore supporto attraverso ciò che ci riesce meglio: attivare piani di welfare».

TreCuori, che nell’ultimo triennio ha portato al raddoppio dei collaboratori, giunti ora a circa 50 unità, non si ferma però alla loro valorizzazione, estendendo la sua visione di welfare anche al territorio. Tutti i servizi offerti dalla società dal welfare aziendale a quello pubblico, dalla promozione commerciale alla gestione dei crediti, vanno infatti nella direzione di sostenere le attività locali. Ad esempio, nel caso del welfare aziendale i bonus erogati possono essere spesi anche nelle altre realtà commerciali di prossimità, creando un circolo virtuoso con ricadute positive per la comunità.

Condividi articolo