Appe: anche bar e ristoranti del Padovano entrano nel circuito “Cordis”



La notizia di Padova Oggi sull’ adesione di Appe al progetto Cordis Community

 

Con la convenzione sottoscritta tra l’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) di Padova e TreCuori SpA Società Benefit, anche il mondo dei pubblici esercizi entra in Cordis, l’innovativo circuito commerciale patrocinato da Camera di Commercio, Provincia e Comune di Padova, oltre che da APPE e altre associazioni di categoria. Cordis è la community all’interno della quale aziende e privati cittadini possono acquistare prodotti e servizi in totale o parziale compensazione tra loro, senza intermediari. Uno strumento che pone le basi per una ripartenza economica del territorio e delle attività che vi sussistono, duramente colpite dall’attuale emergenza Covid-19.

Liquidità aggiuntiva

Attraverso il meccanismo di Cordis, gli esercenti che avranno aderito al circuito potranno disporre di una liquidità aggiuntiva (calcolata, appunto, in Cordis), da “spendere” o “incassare” presso gli altri fornitori e clienti che aderiscono alla medesima community. Tante le opportunità offerte da questo sistema per gli operatori economici del territorio: migliora la liquidità delle imprese, favorendo la circolazione del denaro e trattenendolo all’interno della comunità; inietta nel mercato nuova capacità di spesa utilizzabile solo all’interno della Cordis Community, fungendo da stimolo ai consumi sul territorio e da contrasto ai colossi del web; sostiene l’occupazione, perché potendo coinvolgere collaboratori e dipendenti rende più sostenibile il costo del lavoro delle aziende.

Progetto

L’ingresso di APPE nel circuito testimonia la capacità attrattiva del progetto Cordis – lanciato a Padova lo scorso settembre – per le imprese e il commercio, e aggiunge un nuovo, importante player di livello provinciale ai partner dell’iniziativa. «Chi incassa Cordis – dichiara Erminio Alajmo, presidente APPE – li potrà poi spendere liberamente presso qualsiasi altro aderente: così, di fatto, l’esercente può pagare i propri acquisti e coinvolgere i propri dipendenti, come se lo facesse con la propria merce. È un po’ come se, ad esempio, si pagasse la fornitura di pomodoro in pizze, oppure l’acquisto di latte in cappuccini o la manutenzione del frigo in primi piatti». Secondo l’APPE, l’adesione al circuito potrà favorire gli scambi commerciali sia tra imprese, che con i consumatori, e i pubblici esercizi possono diventare veri protagonisti di questa innovativa community che si sta imponendo all’attenzione di tutti: dove si creano nuove relazioni, infatti, possono crescere anche gli scambi, a beneficio della comunità locale e dell’economia del territorio.

Community

«L’adesione di APPE – dichiara Alberto Fraticelli, direttore di TreCuori – è per noi un fattore molto importante, considerando che si tratta di un’associazione di categoria specifica del settore dei pubblici esercizi, con una eccellente rappresentatività in provincia di Padova». «Il momento è delicato – conclude Alajmo – e la sfida che attende gli esercenti è grande: molti settori sono in crisi e, tra questi, i pubblici esercizi sono le attività più colpite dalla contrazione dei consumi. Siamo convinti che solo unendo le forze possiamo affrontare questo momento e la Cordis community, quando sarà diventata numericamente significativa, rappresenterà un mercato (di fornitori e clienti) davvero importante». Gli esercenti interessati ad avere maggiori informazioni e ad aderire al circuito possono contattare la Segreteria APPE al tel. 049.7817222 – email appe@appe.pd.it. Ulteriori informazioni anche sul sito www.cordiscommunity.org.

Condividi articolo